Analisi chimiche 2018-08-24T10:07:59+00:00

Analisi chimiche

Analisi chimiche materiali metallici

♦Vuoi sapere in 24 ore se il tuo materiale è conforme a livello chimico rispetto alle principali sigle dei materiali utilizzati nel settore automotive?

♦Vuoi confrontare le differenze di composizione chimica tra lotti successivi di materiale oppure acquistati da fornitori diversi e hai bisogno di farlo subito?

♦Il tuo cliente ti contesta il materiale utilizzato, ma tu hai il certificato dell’acciaieria che dichiara la conformità e non sai come risolvere il problema in fretta?

L’analisi chimica dei materiali metallici è la prova di laboratorio che fa al caso tuo.

MotivexLab® AutoMotive Test Express ti consegna i risultati delle analisi chimiche direttamente sulla tua scrivania in 24 ore, o è gratis.

Così puoi avviare immediatamente la produzione con la sicurezza che l’acciaio utilizzato è conforme, puoi scegliere il fornitore migliore, puoi capire subito se il tuo cliente ha ragione di contestarti il materiale e come difenderti.

Chiamaci ora allo 011 93 70 516 oppure compila ora il modulo “CONTATTI” che trovi in fondo alla pagina e prenota le analisi chimiche sui materiali metallici sulla tua scrivania tra 24 ore, prima che qualcuno ti rubi il posto.

L’analisi chimica è eseguita secondo le più aggiornate norme internazionali:

  • ASTM E353 (Standard Test Methods for Chemical Analysis of Stainless, Heat-Resisting, Maraging, and Other Similar Chromium-Nickel-Iron Alloys),
  • ASTM E34 (Standard Test Methods for Chemical Analysis of Aluminum and Aluminum-Base Alloys),
  • ASTM E351 (Standard Test Methods for Chemical Analysis of Cast Iron—All Types) e ASTM E415 (Standard Test Method for Atomic Emission Vacuum Spectrometric Analysis of Carbon and Low-Alloy Steel)

e permette di determinare gli elementi di lega e classificare il tipo di materiale secondo la norma di riferimento a cui appartiene.
La tecnica analitica utilizzata è la spettrometria ad emissione ottica, nella quale un arco elettrico (scintilla) generato in ambiente inerte (flusso di gas di argon), genera eccitazione degli atomi posti sulla superficie del saggio.

L’eccitazione provoca emissione di spettri con lunghezza d’onda caratteristica per ciascun elemento, che vengono captati da rilevatori posti in una camera a vuoto ed elaborati elettronicamente per ricavare le concentrazioni degli elementi secondo gli standard di riferimento.

Il quantometro utilizzato dispone di rilevatori CCD di ultima generazione, capaci di fornire analisi caratterizzate da grande precisione e accuratezza.
Si possono analizzare le seguenti leghe metalliche:

  • leghe di alluminio (dall’alluminio puro della serie 1000 fino alle leghe alluminio – zinco della serie 7000);
  • acciai basso legati (lamiere, acciai da costruzioni, da bonifica e da cementazione)
  • acciai inossidabili, al cromo, al manganese, per utensili;
  • ghise lamellari e sferoidali.

L’analisi chimica rappresenta il primo passo di una analisi metallurgica per stabilire la conformità di una lega a disegno / specifica, e costituisce un valido strumento per l’identificazione di un materiale sconosciuto, riconducendo la sua composizione agli standard normativi vigenti.

Quindi anche quando vuoi conoscere la sigla di un materiale  sconosciuto o  vuoi sapere che materiale usa la tua concorrenza, questa è la prova adatta.

L’analisi permette di determinare con accuratezza e ripetibilità la percentuale di elementi quali carbonio, silicio, manganese, fosforo, zolfo, cromo, molibdeno, nichel alluminio, niobio, boro, rame, cobalto, titanio, vanadio piombo nei limiti normalmente presenti negli acciaio basso legati e inossidabili (inox), leghe di alluminio e ghise.

La tecnica è specifica per analisi quantitativa in tempi rapidi, in quanto, dimensioni permettendo, non richiede preparazioni particolari oltre una smerigliatura superficiale.

Per particolari di dimensioni limitate (trucioli, lamelle sottili, molle, fili) o per l’analisi di leghe metalliche incompatibili con la metodologia spettrometrica è possibile determinarne la composizione mediante spettroscopia di emissione atomica (ICP-OES), affiancata all’analisi chimica mediante LECO per la determinazione accurata del carbonio e dello zolfo in leghe metalliche e composti inorganici.
In questo caso è necessaria una preparazione del campione la cui durata dipende dalla tipologia di materiale e dalle condizioni del campione.

Se hai urgenza di sapere se il tuo materiale è conforme a livello di composizione chimica alle norme internazionali dei materiali metallici e alle sigle riconosciute dai capitolati tecnici delle case automobilistiche, non perdere tempo e telefona allo 011 93 70 516 oppure compila il modulo di contatto qui in basso.

Verrai chiamato immediatamente da un responsabile del laboratorio per valutare insieme, senza impegno, se possiamo aiutarti a risolvere il tuo problema di controllo qualità dei materiali metallici.

Analisi chimiche mediante EDS di particelle, residui e rivestimenti

♦Il campione di cui vuoi conoscere la composizione chimica è estremamente piccolo?

♦E’ un’inclusione, un punto duro, una particella microscopica e vuoi sapere che origine hanno?

♦ Vuoi conoscere i picchi di elementi presenti in un rivestimento galvanico, in una verniciatura o in una cromatura?

MotivexLab® AutoMotive Test Express dispone di uno dei più avanzati sistemi di microanalisi composizionale attualmente esistenti: il microscopio elettronico a scansione SEM abbinato alla microsonda a dispersione di energia EDS. (SEM EDS)

Questa metodica analitica strumentale sfrutta l’emissione di raggi X generati da un fascio elettronico incidente sul campione utilizzando un rilevatore EDS (rilevatore a dispersione di energia). La peculiarità di questo tipo di analisi è che può essere effettuata sia sulla zona osservata, sia su una zona di specifico interesse, quindi ad esempio su una particella microscopica.

Il fascio elettronico può essere infatti focalizzato su superfici anche di pochi micron; l’abbinamento del SEM con la microsonda EDS permette di eseguire analisi su particelle, residui, e rivestimenti dello stesso ordine di grandezza dell’ingrandimento utilizzato (inferiore al  micron – µm).

La microanalisi EDS è una tecnica che permette un’analisi elementare qualitativa e semi-quantitativa di materiali massivi, frammenti, fibre, rivestimenti (zincatura, cromatura, nichelatura, strati di carburi di tungsteno, vernice, fosfatazione, anodizzazione), materiali vari (metalli, non metalli, minerali). Si possono anche eseguire mappature di composizione.

L’analisi SEM EDS è utile in numerose applicazioni, che comprendono l’analisi chimica qualitativa e semiquantitativa (puntuale o locale), profili lineari di concentrazione e mappature di distribuzione di elementi, identificazione di materiali incogniti, anche in forma di frammenti, depositi o strati sottili, analisi di trattamenti e rivestimenti, valutazione del grado di pulizia / contaminazione, valutazione di fenomeni corrosivi.

L’analisi qualitativa serve anche per identificare istantaneamente gli elementi presenti in un campione di composizione ignota. A questo scopo l’analisi EDS è particolarmente adatta, in quanto consente di acquisire velocemente lo spettro di emissione completo (composizione) e di identificare i diversi elementi che compongono il campione.

Chiamaci allo 011 93 70 516 oppure inserisci i tuoi dati nel modulo qui sotto e ottieni subito informazioni sui vantaggi MotivexLab® AutoMotive Test Express: risultati delle analisi chimiche di particelle minuscole sulla tua scrivania in 24 ore e senza errori, o è gratis.

____________________________________________

P.S. Non tutti possono accedere a MotivexLab®. Raggiunto il numero di clienti che siamo in grado di soddisfare giornalmente, siamo obbligati a chiudere le prenotazioni delle analisi, perché da noi nessuno deve aspettare per più di 24 ore per avere gli esiti delle prove sulla sua scrivania.