Esame visivo (VT) 2018-08-24T10:11:52+00:00

Esame visivo (VT)

Devi fare il controllo non distruttivo
mediante esame visivo secondo la
norma UNI EN 13018, ISO 17637 o ASME V?
Vuoi i risultati sulla tua scrivania tra 24 ore?

Chiama adesso i tecnici di MotivexLab allo 011 937 05 16 e avvia subito i controlli non distruttivi mediante esame visivo.

SI, VOGLIO MAGGIORI INFORMAZIONI

Cos’è il controllo non distruttivo mediante esame visivo

Si parla di controllo non distruttivo mediante esame visivo quando si controllo l’integrità di un particolare utilizzando come strumento l’occhio umano, a nudo oppure grazie all’utilizzo di strumenti che permettano di aumentare la qualità dell’immagine da osservare, come lenti d’ingrandimento, fotografie o sistemi video. Questo controllo è molto importante perché grazie ad esso si possono già osservare delle problematiche ancora prima di effettuare delle prove distruttive sul campione. Lo scopo di questa prova è quello di andare a vedere se sul campione analizzato sono presenti delle difettosità quali cricche, porosità, rigonfiature o altro. Esistono due tipi di metodologia di analisi: l’esame visivo diretto e l’esame visivo remoto.
L’esame visivo diretto è caratterizzato da un percorso ottico ininterrotto dall’occhio dell’osservatore all’area di prova. Esso può essere non assistito o assistito per esempio mediante specchio, lenti, endoscopio o fibra ottica.
L’esame visivo remoto è invece caratterizzato da un percorso ottico interrotto dall’occhio dell’osservatore all’area di prova. L’esame visivo remoto include l’uso della fotografia, sistemi video, sistemi automatizzati e robotizzati.
Come per tutti i controlli non distruttivi i tecnici abilitati devono essere qualificati e certificati secondo la norma UNI EN 473.

Come si svolge il controllo non distruttivo mediante esame visivo

L’esame visivo diretto si può dividere in locale e generale. Gli esami visivi locali si possono effettuare qualora l’accesso sia sufficiente a disporre l’occhio entro i 600 mm dalla superficie da sottoporre a prova. Si possono utilizzare specchi per migliorare l’angolo di visione e lenti d’ingrandimento, endoscopio e fibre ottiche per facilitare il test. Quando la distanza dell’occhio dal campione sottoposto alla prova supera i 600 mm l’esame diretto è definito generale. In tal caso deve essere utilizzata una distanza visiva appropriata, in relazione alla prova. Il particolare sottoposto alla prova, deve essere illuminato, se necessario, con luci ausiliarie in modo da ottenere un minimo di 160 lux per esami visivi generali e un minimo di 500 lux per esami visivi locali.
L’esame visivo remoto può sostituire quello diretto quando non è possibile effettuare quest’ultimo. Per l’esame visivo remoto si possono utilizzare strumenti visivi ausiliari come endoscopi e fibre ottiche, abbinati a macchine fotografiche o altri strumenti adatti.
L’esame visivo richiede una grande esperienza da parte dei tecnici che lo eseguono per evitare di interpretare in maniera non corretta i risultati.

Se vuoi far eseguire controlli non distruttivi mediante esame visivo da personale esperto che ti consegna gli esiti del controllo entro 24 ore, chiama lo 0119370516 e prenota le tue prove non distruttive.

SI, VOGLIO MAGGIORI INFORMAZIONI

Le normative per il controllo non distruttivo mediante esame visivo

Le principali normative per il controllo non distruttivo mediante esame visivo sono:
UNI EN 13018 – Prove non distruttive – Esame visivo – Principi generali
ISO 17637 – Controllo non distruttivo delle saldature – Esame visivo di giunti saldati per fusione
ASME – Section V – Nondestructive Examination.

Le normative più importanti sono quelle legate al controllo non distruttivo dei giunti saldati in quanto nel settore delle saldature, l’esame visivo è un test molto importante per verificare l’integrità e la potenziale tenuta di una saldatura.

Per il controllo delle saldature in 24 ore chiama adesso lo 0119370516