Sei stanco di sollecitare i risultati delle prove di laboratorio? Finalmente qualcuno che si sbatte al posto tuo [per farti avere i report in 24 ore]

 

Motivexlab risultati in 24h

Oggi sono stata invitata ad un workshop dedicato alla presentazione di nuovi materiali e tecnologie per il mercato automotive.

Nella suggestiva cornice del Museo dell’Automobile di Torino, che ospitava l’evento, la parola che ho sentito ripetere più spesso è stata VELOCITA’.

Tu che sei il responsabile qualità di un’azienda che opera in questo mercato, sai di cosa sto parlando.

Se invece sei capitato qui per caso e non ti occupi di controllo qualità della componentistica automotive, voglio precisare che non mi riferisco alla velocità come prestazione raggiunta dalle auto di nuova generazione.
Ma parlo di velocità come caratteristica del modo di operare, che è richiesto a tutti i soggetti che lavorano per le case automobilistiche.
Velocità è l’unica modalità che ti è richiesta per il lavoro che fai.
O risolvi i problemi in velocità o sei fuori.
Tutte le pratiche che finiscono sulla tua scrivania devono essere risolte in velocità.

O fornisci in velocità un’azione correttiva per una non conformità sulla tua produzione, o sarai sommerso dagli addebiti.

Sì, perché la seconda parola più usata nel nostro settore è ADDEBITI.
E anche di questa parola ho sentito parlare molto stamattina.

Scommetto che il binomio VELOCITA’ e ADDEBITI è la causa principale del tuo stress da lavoro.
Ed è la ragione per cui se non avessi una famiglia, un mutuo e le rate della macchina da pagare, certi giorni manderesti tutti aff*** e andresti ad aprirti un bel bar sulla spiaggia.

E’ vero o no?
Sai qual è il problema?
Che io, qualcuno che ha mollato tutto ed è andato veramente a vendere panini sulla spiaggia, l’ho conosciuto.
Solo che poi se ne è anche tornato, e oggi è messo peggio di prima.
Il più fortunato fa il cassiere al centro commerciale. E lavora anche di domenica.
Ogni maledetta domenica.

Certo che non è facile rimanere nel tuo ufficio e dover lottare tutti i giorni contro fornitori incapaci, colleghi e capi che se ne fregano e non fanno mai quello che dovrebbero fare, clienti che si mettono d’accordo per farti impazzire.

E le giornate peggiori sono quelle in cui salta fuori una non conformità.
Solitamente, la prima avvisaglia che la giornata sarà la prima di una lunga serie di giornate difficili, arriva via email.
Nell’oggetto dell’email c’è una richiesta di contatto urgente, per una non conformità riscontrata su un lotto di materiale consegnato dalla tua azienda.
Dal tono della voce del cliente, che hai prontamente richiamato per avere maggiori dettagli, e dalle 2 paroline tremende che usa, sì, hai capito bene, VELOCITA’ e ADDEBITO, sai che per i prossimi 15/20 giorni non avrai più una vita privata.
Puoi dire addio alla partitella a calcetto con gli amici e sai già che tua moglie avrà da ridire perché non la guardi e non la aiuti con i figli.

Dovrai fermarti tutte le sere fino a tardi in ufficio, ricevere telefonate a tutte le ore, andare in trasferta a visitare gli stabilimenti dove si produce il materiale non conforme. E spero per te non siano in Cina.

Il tuo cliente ti chiederà di fare un controllo del materiale in giacenza presso i suoi magazzini, perché ha dovuto bloccare il montaggio dei tuoi particolari, finché non si scopre se il problema riscontrato per caso su un campione, può ripetersi su altri campioni.
Insomma, sei nella melma fino al collo e naturalmente, nonostante in azienda siete in tanti, sembra che ci sei solo tu capace di affrontare e risolvere il problema.
Hai tutta la mia solidarietà, per quello che te ne fai.

Ma visto che della mia solidarietà non te ne fai molto, voglio darti 3 consigli su come gestire una situazione del genere.

Immaginiamo per esempio che la non conformità, riscontrata dal tuo cliente, riguarda una verniciatura che ha dei difetti estetici.
Ecco cosa devi fare prima di richiedere al laboratorio prove una analisi completa, per cercare le cause del difetto della verniciatura:

1. rintraccia un campione difettoso e raccogli tutti i dati sul processo di verniciatura, perché queste informazioni saranno fondamentali per i tecnici di laboratorio, per cercare le cause del difetto e darti un responso in velocità

2. fornisci al laboratorio anche un campione senza difetto, prelevato dallo stesso lotto di produzione del campione difettoso, in questo modo i tecnici di laboratorio ti diranno subito se ci sono differenze tra i due campioni

3. preleva un campione di un lotto diverso, perché solo in questo modo potrai sapere se il problema può essere circoscritto a un lotto specifico o se è potenzialmente presente su tutta la tua produzione

Quando emerge un problema di non conformità su un prodotto verniciato, il laboratorio prove interviene con una failure analysis, che ha lo scopo di capire a che livello si è prodotta la difettosità.

Dopo aver eseguito delle analisi chimiche e micrografiche, delle misurazioni dello spessore mediante microscopio ottico e microscopio elettronico SEM EDS, il laboratorio ti dirà se il problema è da imputare al materiale base o a problemi di pulizia e preparazione della superficie da verniciare.
Oppure i difetti estetici potrebbero essere causati da spessori misurati in micron dei diversi strati di verniciatura, dal primer al trasparente, che non corrispondono a quanto prescritto a disegno.
In altri casi ancora, potrebbero esserci inneschi di corrosione sul materiale base.

Bene, se segui questi 3 consigli avrai un metodo sicuro per indirizzare il laboratorio prove a cercare la causa della non conformità.

Questo metodo però non ti aiuta a risolvere il problema della VELOCITA’.
Il tuo cliente infatti ti chiede i i risultati delle prove in fretta.
E tu glieli devi fornire ancora più in fretta, se non vuoi pagare gli ADDEBITI che ha minacciato di farti, per il fermo produzione che gli stai creando.

Sai quanto costano 24 ore di fermo linea di una produzione automotive?

Il tuo capo lo sa?
Dovresti ricordarglielo quando ti fa diventare scemo a cercare il laboratorio che costa meno, invece che il laboratorio più veloce.
Starai pensando che intanto i laboratori sono tutti lenti e allora tanto vale andare da quello che costa meno, oppure da quello che è più vicino.

Vorresti dirmi che i laboratori in fretta non riescono neanche a dirti quali prove devi fare. Figurati un po’ per fare le analisi quanto ci mettono.

Conosci un laboratorio prove distruttive che ti garantisce la consegna degli esiti in 24 ore?

Tu no, ma loro sì.


sempre più veloci

ringraziamento velocità

professionalita e velocita

testimonianza tempestivo controllo

Servizio puntuale testimonianza

No, non è magia.
Puoi davvero ricevere i risultati delle prove di laboratorio in 24 ore.
A patto che tu consegni tutto il materiale ben identificato, così come ti ho spiegato qui sopra.

Poi naturalmente devi rivolgerti a un laboratorio specializzato nelle problematiche del settore automotive, che si è dotato di una procedura specifica per fornirti l’esito delle analisi e dei test in 24 ore.

No, non dovrai sollecitare il laboratorio con telefonate minacciose.
Tu dovrai solo consegnare i campioni al laboratorio e poi non ti dovrai più preoccupare di niente.
Già, perché sarò io a fare in modo che dopo 24 ore i report con i risultati delle analisi siano nella tua casella email.
Per una volta ci sarà qualcuno che si sbatterà al posto tuo!
A dire il vero il duro lavoro l’ho fatto negli ultimi 10 anni.
Ero quotidianamente sommersa dalle richieste di analisi di clienti, che come te, fornivano le maggiori case automobilistiche mondiali.
E ogni volta che mi facevano fare delle prove distruttive sui materiali, avevano bisogno dei certificati di prova con urgenza.
I miei clienti avevano bisogno di prove eseguite in conformità ai principali metodi internazionali in tempi molto veloci.
Perché quando l’esito delle analisi era determinante per avviare la produzione o per bloccarla, non c’era mai tempo da perdere.
A seconda che si facessero controlli in accettazione del materiale o verifiche di conformità sui processi di trasformazione, come per esempio la verniciatura o la saldatura, il tempo era la variabile più importante.
Quindi io diventavo matta per stare dietro a tutte queste richieste e avrei potuto licenziarmi e andare a vendere panini in riva al mare, oppure potevo cercare un modo per non impazzire e allo stesso tempo fornire ai miei clienti la soluzione ai loro problemi.

Così, ho studiato il metodo per velocizzare le pratiche di laboratorio, senza mettere a rischio la sicurezza dei risultati, e dopo un’esperienza fatta su più di 43 mila certificati di prova consegnati ai clienti, oggi posso garantire la consegna dei report in 24 ore.

Già, perché ho deciso di mettere un termine alla parola VELOCITA’.
Visto che gli ADDEBITI sono misurabili in migliaia di euro, volevo che nel mio laboratorio, anche la parola VELOCITA’ fosse misurabile.

Non come in quei laboratori dove se gli dici che hai fretta, e conosci qualcuno a cui sei simpatico, ti consegna i report dopo una settimana.

E questo è un trattamento di favore proprio solo perché sei tu e perché chiami ogni 3 ore, per chiedere a che punto sono con le prove.
Perché se no, i risultati delle prove, capace che te li mandano dopo 10 o 15 giorni.
No, non sono idioti gli altri laboratori, anzi, spesso sono enti molto importanti e riconosciuti.
E proprio per questo, sono organizzati per prendere tutti i lavori, dalle prove di laboratorio alla certificazione dei prodotti e dei processi come la saldatura, alla taratura degli strumenti, alla formazione e qualifica del personale.
E visto che non analizzano solo i campioni per il settore automotive, ma testano e certificano tutto per tutti, alla fine chi ci rimette sei tu.
Perché finirai in coda a tutti i loro lavori.
E il loro concetto di VELOCITA’ non sarà mai misurabile in ore.
E intanto che cerchi di capire se i tuoi report arriveranno dopo giorni o dopo settimane, il contatore degli ADDEBITI, che ti farà il tuo cliente, va avanti.

TIC TAC TIC TAC.

Se anche tu vuoi ricevere i tuoi report sulla scrivania in 24 ore telefona allo 011 93 70 516 oppure compila il modulo in fondo alla pagina.

Passo e chiudo.

Elisabetta Ruffino

By | 2017-05-18T10:52:45+00:00 maggio 20th, 2015|Failure analysis|0 Commenti

About the Author:

Scrivi un commento