I 7 Errori Che Non Devi Fare Quando Richiedi Una Failure Analysis al Laboratorio Prove Distruttive

 

wizard is holding a crystal ball as he waved his magic wand and smiling happily

 

Se lavori nel settore meccanico avrai certamente avuto a che fare con problemi di rotture di componenti metallici. (Se sei finito su questa pagina perché ti trovi adesso con un pezzo rotto tra le mani, complimenti per la fortuna!)

Sarai quindi andato in un laboratorio prove distruttive per farti fare una failure analysis. Giusto? Giusto!
Peccato che sul rapporto di prova tu non abbia trovato scritta in maniera chiara e semplice la risposta alla tua unica domanda iniziale: Di Chi è la Colpa?

Se ti ritrovi in questa situazione, forse, hai commesso uno dei 7 ERRORI MICIDIALI che impediscono di ottenere la risposta che volevi:

1 ERRORE: non hai fornito tutti i dati sulle modalità di utilizzo del campione;

2 ERRORE: non hai fornito indicazioni sulle circostanze in cui il componente si è rotto;

3 ERRORE: non hai fornito i disegni tecnici del campione;

4 ERRORE: non hai fornito i certificati del materiale;

5 ERRORE: non hai fornito una superficie di frattura non contaminata da manipolazioni successive;

6 ERRORE: non hai fornito tutti i frammenti che compongono il campione;

7 ERRORE: non hai fornito campioni di altri lotti per procedere con un’analisi comparativa tra campione integro e campione rotto.

Ultimo errore, che sicuramente non hai commesso, è quello di aver pensato che i tecnici di laboratorio avessero la sfera di cristallo!

Scherzi a parte, oggi voglio darti qualche semplice indicazione su come si esegue una failure analysis.
Perché così avrai una guida di quali informazioni fornire al laboratorio prove.
Scoprirai quali dati sono utili ai tecnici del laboratorio metallurgico per rispondere alla tua domanda di esiti chiari e di facile interpretazione.
E potrai immediatamente fare l’azione correttiva più giusta per mettere sotto controllo il processo ed eliminare la causa della non conformità.

Anche chi non è un esperto metallurgista, ma è per esempio addetto al controllo qualità, ha la necessità di comprendere  la causa di rottura dei particolari metallici come ingranaggi, viti, componenti motore ecc.
Bisogna capire se il difetto è da imputare al materiale non conforme, a un errore di progettazione, a cattive condizioni di utilizzo, montaggio, stoccaggio, piuttosto che ad errori nel trattamento termico, a materiale con indici di grano ferritico o austenitico non conformi, ecc.

Col termine “failure analysis” si indica lo studio delle cause che hanno prodotto un fallimento, che in campo meccanico si lega al concetto di rottura.
Trovare le cause che hanno portato ad una failure consente di individuare le responsabilità, e di verificare se sono nate in fase di progetto, di fabbricazione o di esercizio.
La cosa fondamentale della failure analysis è che, una volta che si sono individuate le cause della rottura, si possono predisporre immediate misure correttive.

La rottura può essere generata dalla presenza di imperfezioni, da  lavorazioni oppure dalle condizioni di esercizio del particolare in oggetto.
Visto che la ricerca di queste cause parte dalle tracce che questi meccanismi hanno lasciato sul campione stesso e dalle condizioni di esercizio che possono averli attivati, è fondamentale fornire quante più informazioni possibili al laboratorio metallurgico.
I tecnici  analizzeranno il campione attraverso analisi chimiche per determinare la composizione chimica del materiale base, prove di trazione e prove di durezza per verificarne le caratteristiche meccaniche, analisi metallografiche per osservare la struttura mediante esame microscopico, livello inclusionale, grado di bandeggiatura, l’indice di grossezza del grano ferritico o austenitico, esame macrografico per osservare l’andamento delle fibre ecc.
Soprattutto, sulla superficie di frattura, gli esperti tecnici, eseguiranno analisi mediante microscopio elettronico SEM EDS.

Un corretto approccio alla failure analysis prevede innanzitutto la raccolta del maggior numero di informazioni possibile.
Poi si procede con il confronto con casi simili, attraverso lo studio del materiale presente in letteratura per esempio negli ASM Handbooks: il volume 10 si intitola “Failure analysis and prevention” e permette di confrontare il proprio caso con molti altri simili.
Si continua con la comprensione delle condizioni di lavoro del campione, per poter creare un background di informazioni completo.

Devi fornire al laboratorio ogni informazione circa possibili cause, sequenza di eventi, in modo che ci sia il maggior numero di dati possibili.
Molto utili sono anche i documenti di collaudo, disegni, certificati del materiale, in modo da avere dei parametri di confronto per le analisi che si effettueranno.
La fase successiva prevede l’esame visivo e la catalogazione delle informazioni presenti sul campione.

Ogni dettaglio deve essere registrato prima della pulitura, taglio e preparazione di provini per le analisi successive.
I segni di sporcizie, vernici, olii sulla superficie possono essere prove importanti e possono indicare quanto sia vecchia la rottura, in quali condizioni o ambiente di lavoro si trovava.
I residui possono essere testimoni di cosa è successo, bisogna quindi fare attenzione quando si  manipolano i campioni, perché si rischia di  distruggere prove importanti.
Il tecnico di laboratorio esaminerà la superficie di frattura, identificherà la modalità di rottura (fragile, duttile, di fatica etc.), farà le analisi ad altissimi ingrandimenti con microscopio elettronico a scansione SEM EDS, osserverà e descriverà il punto di innesco e la direzione di propagazione.
Eseguirà quindi tutte le analisi adatte a risolvere il caso.

E a lavoro completo, il Laboratorio analisi metallografiche, grazie alla failure analysis che avrà condotto, sarà in grado di fornirti la risposta all’annosa domanda:
Di Chi è la Colpa?

Se hai un componente difettoso o rotto, e vuoi scoprire SUBITO la causa della difettosità attraverso una failure analysis, rivolgiti a MotivexLab™ chiamando ORA lo 011 93 70 516 oppure compilando il modulo in fondo alla pagina.

Prima scopri la causa, prima risolvi il problema e soprattutto prima limiti i danni.

 

P.S. Ricorda che in laboratorio ogni giorno arrivano casi di rotture, e se non ti affretti a prenotare le tue analisi, qualcun altro potrebbe passarti davanti.

Poi non dire che non ti avevo avvisato…

P.P.S. Guarda cosa dicono di noi i nostri clienti:

 

 


____________________________________________________________

 

By | 2017-05-18T11:25:07+00:00 novembre 3rd, 2014|Failure analysis|0 Commenti

About the Author:

Scrivi un commento