A MARCHIONNE SAREBBE PIACIUTA MOTIVEXLAB?

“Estate del 2004.

Un giorno – sui tram arancioni che uniscono, a Torino, le case borghesi della collina ai condomini desolati dei quartieri Falchera e Mirafiori – inizia a circolare un racconto.

Capita lo stesso nei bar di Barriera di Milano, in cui gli ultimi anziani piemontesi parlano il dialetto e i giovani immigrati africani modificano le loro lingue di origine inserendo mozziconi di francese e prime parole italiane.

Anche i funzionari di banca e i commercialisti con studio nel centro storico lo vengono a sapere.

Difficile capire se sia vero o falso.

Ma quello che importa è che tutti ci credano.

Un sabato mattina Sergio Marchionne è andato in una concessionaria. Secondo alcuni in corso Giulio Cesare. Per altri in corso Bramante.

Nel racconto – vero o falso non importa, quello che conta è che sia verosimile e dica qualcosa sul cuore di Torino e della sua malandata anima metalmeccanica, desiderosa di cure – Marchionne si è seduto ad aspettare.

Nessuno è andato a salutarlo.

Nessuno lo ha ricevuto.

Non si è presentato come l’amministratore delegato della Fiat.

E’ entrato come un semplice cliente.

E, come tale, avrebbe desiderato essere ricevuto, accolto e informato sulle automobili in vendita, sulle condizioni commerciali standard, sulle offerte, sulla possibile rateizzazione, sulle garanzie finanziarie necessarie per attivare un prestito.

Una cosa normale.

Passano i minuti.

Passano le mezze ore.

Nessuno si fa vivo.

Sergio Marchionne esce dalla concessionaria.

Torna in ufficio e decide di chiuderla e di licenziare tutti.

Naturalmente il racconto assume mille sfumature, cambia i particolari a seconda di chi lo pronuncia, diventa altra cosa a seconda di chi lo ritrasmette.

Si allontana dalla verità, ma proprio per questo la fa risaltare nel suo significato più elementare: il lassismo burocratico, la disattenzione per il cliente, il rimandare sempre e comunque le decisioni sgradevoli non vanno bene.

O, meglio, non vanno più bene.”

Questo è il racconto che fa Paolo Bricco, inviato speciale del Sole 24 Ore, autore di inchieste, reportage e analisi dell’industria dell’auto, nel suo ultimo libro “Marchionne. Lo straniero”, edito da Rizzoli.

E questo racconto non può che farmi pensare alla mia estate 2004.

L’estate in cui ho conosciuto Paolo Pollacino e insieme abbiamo dato avvio a ciò che diventerà MotivexLab, l’unico laboratorio per il testing sulla componentistica automotive che dice chiaramente che come si è sempre fatto non va più bene.

Ai tempi della Lean Production e dell’Industria 4.0 non va più bene lasciare il cliente ad aspettare per giorni e giorni i risultati dei test di laboratorio.

MotivexLab consegna i risultati delle prove di laboratorio sulla scrivania dei clienti in 24 ore.

Sempre. A tutti.

MotivexLab non lascia i clienti ad aspettare.

MotivexLab accoglie tutti come clienti importanti.

E tutti i clienti ricevono lo stesso trattamento: report sulla scrivania in 24 ore, o è gratis.

Vuoi scoprire come è avvenuta questa rivoluzione?

Leggi il libro Tutto e Subito, scoprirai come Paolo ed io abbiamo creato il Sistema MotivexLab.

L’unico laboratorio che non lascia nessuno ad aspettare.

L’unico laboratorio che consegna i test report sulla tua scrivania in 24 ore, o è gratis.

Richiedi la tua copia del libro su www.libromotivexlab.com

Leggi tutte le recensioni anche su Amazon      

2018-09-27T10:36:57+00:00 mercoledì, 19 settembre , 2018|varie|

Scrivi un commento