Le 3 cattive abitudini del controllo qualità dei materiali metallici [che stanno per rovinarti la giornata]

Motivexlab stop bad habits
Oggi vado diretta al punto: se sei il responsabile qualità di un’azienda che opera nel mercato dell’automotive, ci sono 3 abitudini, che ti creano il 93% dei problemi che hai nella gestione delle non conformità e dei reclami clienti.

Se le conosci le eviti e riduci immediatamente lo stress e lo sbattimento che ricade sempre su di te, quando si scopre che qualcosa nel prodotto che la tua azienda ha venduto, non va bene.

Le ragioni della non conformità possono essere legate alle caratteristiche meccaniche, chimiche o strutturali dei materiali metallici.

Oppure possono dipendere dai parametri di saldatura che impediscono una buona tenuta delle saldature, a trattamenti termici che infragiliscono il materiale, alla verniciatura che non protegge i particolari dai fenomeni corrosivi, a operazioni di stampaggio lamiera a freddo che creano rotture in fase di imbutitura ecc.
Qualunque sia il reclamo che il tuo cliente ti fa, posso scommettere che nel 93% dei casi, avresti potuto evitare il mal di pancia di gestirlo.
E tutto questo senza fatica, solo cambiando queste 3 cattive abitudini.

1° cattiva abitudine: eseguire prove di laboratorio solo quando è troppo tardi e la non conformità col cliente si è già verificata;

2° cattiva abitudine: non avere un laboratorio metallurgico di fiducia che ti garantisce il pronto intervento, con un piano prove adatto a comunicarti nel giro delle 24 ore, cosa è successo e di chi è la colpa;

3° cattiva abitudine: pensare che c’è qualcuno in azienda che viene pagato molto più di te e che dovrebbe occuparsi dei casini coi clienti al posto tuo.

Per questa terza abitudine hai tutta la mia comprensione, ma io non posso aiutarti.
Invece posso aiutarti a cambiare le prime due cattive abitudini.
Sicuramente, se stai leggendo questo articolo sei una persona che si fa carico di molte responsabilità.

A volte, queste responsabilità sono direttamente legate al ruolo che hai in azienda, a volte, proprio perché sei uno che si sbatte e che vuole risolvere i problemi, qualcuno un po’ se ne approfitta e ti gira anche i problemi che dovrebbe risolvere lui.

Ora, al di là del tono scherzoso che ho usato nel descrivere la terza cattiva abitudine, quello che realmente voglio dirti in questo articolo è che ci sono delle decisioni che puoi prendere facilmente.
Cioè senza stravolgere quello che hai sempre fatto, ma semplicemente facendo delle cose in maniera un po’ diversa.
E grazie a questi piccoli cambiamenti, puoi ottenere dei grandi risultati, sia per te che per la tua azienda.

Certo non è che poi puoi pensare di non avere mai più a che fare con delle non conformità e con clienti che minacciano di cambiare fornitore e di fare addebiti da migliaia di euro.
Sicuramente però tu puoi evitare un bel po’ di stress e di arrabbiature, e la tua azienda può risparmiare un bel po’ di soldi.
Ricorda che chi trova un modo intelligente per far risparmiare i soldi alla propria azienda, è sempre ben visto da chi comanda e decide gli scatti di stipendio e carriera.

Un modo stupido per far risparmiare soldi, è quello di non controllare la qualità della produzione.
E’ un po’ come pensare di non verificare il livello dell’olio del motore della tua auto, per risparmiare i soldi del rabbocco.
Oggi risparmi i 10 o 15 euro che il benzinaio ti chiede per portare la quantità dell’olio al livello di sicurezza, e domani ti trovi a dover spendere migliaia di euro per cambiare il motore, perché hai grippato.
Si, lo so anche io che sono una donna 🙂 che le macchine sono dotate di spie, che ti segnalano il livello dell’olio.
Ma ti assicuro che, quando in azienda ci sono dei fermi linea o dei resi da cliente per non conformità, è perché qualcuno ha dato per scontato che tutte le spie funzionassero bene.
Nella realtà non è così.
Non sempre è così.
Ed è perché si crede che le spie funzionano sempre, che si crea l’abitudine a non controllare la qualità delle forniture.
Si fa l’errore di pensare che la spia rappresentata dai certificati del materiale che ti dà il tuo fornitore, funzioni sempre, e che quindi, se c’è scritto che il materiale è conforme, non ci saranno mai problemi di conformità.

Non è così.
Ciò che è scritto sui certificati del tuo fornitore, non sempre corrisponde alla qualità reale del materiale che hai comprato.

“Elisabetta, io compro materiale certificato, a cosa mi serve controllare il materiale? Mi fido del fornitore.”

Fai male. Non perché il tuo fornitore non è un’azienda seria o perché i documenti non sono reali.
Fai male a fidarti, perché anche il tuo fornitore può fare un errore.
Fai male a fidarti, perché le caratteristiche del materiale possono cambiare da lotto a lotto.
Fai male a fidarti, perché le caratteristiche del materiale possono modificarsi nel corso del tempo.
Fai male a fidarti, perché le caratteristiche possono essere rappresentative solo del campione analizzato, e non di tutto il lotto.
Fai male a fidarti dei certificati delle acciaierie, o delle fonderie, perché, pur avendo del materiale conforme all’interno della designazione del materiale che hai comprato, puoi avere delle altre caratteristiche che non sono analizzate in quel certificato, che si posizionano ai limiti nel range di accettabilità.

Quindi per esempio, puoi avere le caratteristiche meccaniche non ottimali per la lavorazione che devi fare tu.
Ma leggendo il certificato, tu credi che il materiale che hai comprato è conforme.
Perché effettivamente è conforme, ma solo per la composizione chimica, che è l’unica caratteristica che è stata analizzata da chi ti ha venduto il materiale.
Peccato che se tu non controlli il materiale con una prova di trazione secondo UNI EN ISO 6892-1, oppure non verifichi la dimensione del grano ferritico secondo UNI EN ISO 643, non potrai mai sapere se la lamiera che stai stampando a freddo ha le giuste caratteristiche per non rompersi in prossimità dell’angolo di piegatura.

Poi non è detto che la tua lamiera stampata si rompa subito, magari si cricca solo, in maniera invisibile all’occhio umano.
Quella cricca che poteva essere intercettata con un esame microscopico dei materiali ferrosi (UNI 3137) a 500 ingrandimenti, sollecitata dalle vibrazioni si aprirà in futuro, quando i tuoi prodotti saranno già montati su migliaia di vetture, vendute dal tuo cliente in tutto il mondo.

Quando la situazione non è più sotto controllo, sia il tuo capo, sia il tuo cliente chiedono a te di risolvere questo problema gravissimo.
E lo devi risolvere in fretta il problema, perché bisogna capire subito che cosa è successo e di chi è la colpa.

A me viene la pelle d’oca quando leggo le email che i miei clienti mi girano per farmi capire la gravità del problema che mi chiedono di risolvere.
Subito penso alle migliaia di euro di addebiti e di costi che l’azienda, che non ha fatto i controlli sulla sua produzione, dovrà pagare.
Non oso immaginare come ti senti tu quando il tuo cliente ti scrive che ci sono migliaia di vetture che potrebbero presentare lo stesso problema di rottura della lamiera.
In caso di campagne di richiamo, si parla di milioni di euro di danni.

E’ stata una scelta intelligente quella di ridurre i budget dedicati alle prove di laboratorio per il controllo della qualità dei materiali e dei prodotti?
Non credo.

Un problema che poteva essere intercettato con poche centinaia di euro, è diventato un costo enorme per la tua azienda.
Un addebito da migliaia di euro, può mettere a rischio l’azienda in cui lavori, perché certi costi non li può sostenere e rischia il fallimento.

In questo contesto, la persona che deve farsi carico di risolvere il problema sei tu.
Cioè a te è richiesto di cercare un laboratorio prove che sappia dirti le cause della non conformità.
E questo deve essere fatto in fretta, molto in fretta.
Peccato che tutti i laboratori che conosci tu, ci mettono una settimana solo per rispondere alle tue email, figurati a fare le prove.

La seconda abitudine, che è quella di non avere mai creato rapporti continuativi e di fiducia con un laboratorio prove in grado di fornirti i risultati della failure analysis anche in giornata, sarà la causa di altro stress e di altri gravi problemi per te.

La failure analisys è una indagine che serve a capire perché i tuoi particolari si sono rotti e soprattutto di chi è la colpa.
Se tu hai un rapporto di fiducia con l’unico laboratorio prove che ti dà la Garanzia Consegnato in 24 ore o Rimborsato, saprai che è un laboratorio specializzato nei problemi del settore automotive, che ti garantisce la consegna urgente dei tuoi rapporti di prova.

garanzia laboratorio prove

In questo laboratorio, i tecnici lavorano secondo un protocollo, che è stato studiato proprio per dare risposte in 24 ore.
Questa procedura operativa risolve il problema di chi, come te, si trova a dover gestire una non conformità che crea migliaia di euro di danni per ogni ora che passa, senza sapere a che cosa è dovuta.
Grazie a questa procedura, vengono accelerate tutte le pratiche di gestione del tuo campione.
L’obiettivo è quello di scoprire subito che cosa è successo ai tuoi prodotti non conformi e di chi è la colpa, per poter immediatamente intervenire con una azione correttiva.

testimonianza tempestivo controllo

Servizio puntuale testimonianza

Avere un rapporto di collaborazione con l’unico laboratorio per il settore automotive accreditato, che garantisce la consegna dei risultati in 24 ore, ti renderà la vita molto più facile.

Per esempio, quando il tuo capo ti chiederà i risultati delle prove di laboratorio in tempi molto stretti, potrai fare come Daniele, che alle 9.52 ha chiesto di ricevere i report:

Testimonianza celerità

e alle 10.19 li ha ricevuti:

testimonianza celerità

Daniele ha scelto il laboratorio prove distruttive sui materiali metallici che può realmente risolvere il suo problema di ricevere in fretta i risultati delle prove.
E ha creato con esso un rapporto continuativo di fiducia e collaborazione.
Daniele ha detto basta alle due terribili abitudini che aveva prima.
La prima era quella di fare le prove solo quando è già scoppiato un grave caso di non conformità, trovate sui prodotti venduti.
La seconda l’ha abbandonata, creando un rapporto continuativo e di fiducia, con Motivexlab, che gli garantisce la consegna in 24 ore.
In questo modo, pian pianino, Daniele sta risolvendo anche l’ultima cattiva abitudine.

La terza abitudine è quella di pensare (a ragione) che tutti i problemi di non conformità e di reclami cliente non dovrebbero ricadere su di te. E la puoi cambiare solo cambiando le prime due abitudini.

In questo modo puoi finalmente essere come Daniele: una persona che continua a farsi carico della responsabilità di risolvere i problemi di non conformità della sua azienda.
Ma questo assumersi la responsabilità di lavorare bene, non è più motivo di stress, perché sa che non è più solo a gestire il problema del materiale non conforme.
Infatti visto che ha iniziato a fare regolarmente i controlli in accettazione del materiale, ha ridotto del 93% i casi di non conformità.
E quando si trova con un problema di materiale non conforme, ha accanto un laboratorio in grado di supportarlo e di aiutarlo a conoscerne in 24 ore, le cause e le responsabilità.

Daniele ha così tutti gli elementi per decidere una azione correttiva, che farà risparmiare un sacco di soldi alla sua azienda e gli eviterà stress e mal di pancia, dovuti alla gestione di clienti furiosi che minacciano di ritirare le commesse per non conformità e di addebitare i costi dei danni.

Se anche tu vuoi ricevere i tuoi report sulla scrivania in 24 ore telefona allo 011 93 70 516 oppure compila il modulo in fondo alla pagina.

Passo e chiudo.

Elisabetta Ruffino

2017-05-18T10:56:27+00:00 domenica, 26 aprile , 2015|Consegna urgente garantita|

Scrivi un commento