FOCUS CONTROLLI SUPERFICI E RIVESTIMENTI – L’ESAME CON IL RUGOSIMETRO

Di ritorno dalle vacanze, MotivexLab torna a lavoro a pieno regime, e con diverse – e succose – novità.

Una tra tutte e sicuramente il nuovissimo strumento appena entrato a far parte del pool del Laboratorio: il Rugosimetro.

Prima di iniziare con un’accurata descrizione, comunque, facciamo un piccolo passo indietro, per scoprire insieme cos’è questo famoso strumento.

Il Rugosimetro è un particolare tipo di strumento utilizzato nel campo del controllo qualità per misurare e valutare le micro irregolarità presenti su un qualsiasi tipo di superficie.

Rugosimetro: Tastatore, Unità di traslazione e Unità elettronica

 

Nulla di così eccezionale, direte voi.
Beh, non proprio, se consideriamo che le misurazioni possono raggiungere addirittura il millesimo di micron di precisione.

In genere, i Rugosimetri sono composti da tre parti principali: il tastatore, l’unità di traslazione e l’unità elettronica.
Andiamo ad analizzarle nel dettaglio.

– Il Tastatore è il componente che entra fisicamente a contatto con il campione da analizzare, e può essere di tipo Induttivo (che interpreta le variazioni di altezza sotto forma di variazione di tensione) o di tipo Ottico (che interpreta le variazioni di altezza sotto forma di variazione di posizione di un raggio riflesso);

– L’Unità di traslazione può essere considerata come il motore dello strumento, e che sposta fisicamente il tastatore lungo un asse orizzontale per effettuare la misurazione;

– L’Unità elettronica è il grande cervellone dello strumento, e si occupa di movimentare l’unità di traslazione e la conversione ed il trattamento dei dati ottenuti dal tastatore stesso.

Rugosimetro: Tastatore

 

Fin qui sembra tutto abbastanza semplice e lineare.

Una delle meraviglie del Rugosimetro di MotivexLab? La presenza di un tastatore wireless.
Grazie ad un tastatore senza fili, infatti, l’Operatore è in grado di effettuare misurazioni su campioni di ogni tipo.
Inoltre, grazie ai supporti regolabili, è possibile ottenere valori con una misurazione stabile, permettendo di evitare irregolarità nella rilevazione.

Infine, grazie alla disposizione del sensore, quest’ultimo permette la rilevazione di misure anche all’interno di cavità.

Mai sentito parlare della goffratura?
La goffratura è una lavorazione meccanica che permette l’impressione su materiali cedevoli (come stoffe, cuoio, carta e, in particolare, plastica), creando motivi particolari in rilievo, generalmente per un fattore puramente estetico.

Ma cosa centra questo con il Rugosimetro di MotivexLab?
In MotivexLab, Automotive Test Express, anche un “semplice” Rugosimetro si rivela qualcosa di più.
Oltre alle superfici metalliche comunemente controllate, infatti, in MotivexLab il controllo con il Rugosimetro si adatta anche – e soprattutto – a rugosità e goffrature superficiali.

Le applicazioni di un controllo con Rugosimetro possono essere differenti.
In seguito ad una prova di corrosione, ad esempio, un controllo con il Rugosimetro può tornare utile per ottenere ulteriori informazioni sul blistering superficiale che si è venuto a formare sul campione in analisi.

Rugosimetro: Unità elettronica

 

Per addentrarsi un po’ di più nell’ambito tecnico, poi, di seguito troviamo alcune norme di riferimento generica:
DIN 4772_ Electrical contact instruments for the measurement of surface roughness by the profile method;
DIN ISO 11562/1_ Geometrical product specifications — Surface texture: profile method — metrological characteristics of phase correct filters;
DIN ISO 13565-1_ Geometrical product specifications — Surface texture: profile method; Surfaces havig stratified functional properties — Part 1: Filtering and general measurement conditions;
DIN EN ISO 4288_ Geometrical product specifications — Surface texture: profile method — Rules and procedures for the assessment of surface texture;
DIN EN ISO 12085_ Geometrical product specifications — Surface texture: profile method – Motif parameters.

Per quanto riguarda i parametri superficiali, poi possiamo fare affidamento su:
DIN EN ISO 4287_ Geometrical product specifications — Surface texture: profile method — terms, definitions and surface texture parameters;
JIS-B 0601_ Geometrical product specifications — Surface texture: profile method — terms, definitions and surface texture parameters.

Se, invece, dobbiamo fare riferimento ai parametri a cuore, allora avremo:
DIN EN ISO 13565_ Geometrical product specifications – Surface texture: profile method — Surfaces having stratified functional properties – Part 1: Filtering and general measurement conditions.

Insomma, uno strumento così “semplice” ma che può dare davvero tanto.
Se vuoi conoscere tutte le potenzialità del Rugosimetro di MotivexLab, non ti resta che chiamare lo 011.9370516 o scrivere una mail ad info@motivexlab.com.

MotivexLab, Automotive Test Express, è l’unico Laboratorio che ti fornisce i risultati delle Prove Distruttive e CnD sulla tua scrivania in 24 ore, o è gratis.

Solo grazie a MotivexLab, quindi, potrai dire:

I VANTAGGI PER TE

SI a report completi, comprensibili e consegnati rapidamente

SI ad un Laboratorio all’avanguardia e sempre in costante miglioramento

SI a personale esperto qualificato.

Se non ci credi, poi, o hai bisogno di qualche altra piccola conferma, non ti resta che ascoltare le parole di chi, a MotivexLab, si è già affidato.
Lei è Dèsirèè Toscano, Quality Manager della ditta Scanferla Bruno srl. Lavorando costantemente con grandi case automobilistiche tedesche, come Volkswagen e Audi, sa bene quanto i valori di MotivexLab siano essenziali nel campo del controllo Qualità.

2019-09-09T16:28:19+02:00 martedì, 10 Settembre , 2019|Controlli non distruttivi, Prove di laboratorio, varie|