Feste e ponti. Ma qualcuno che fa le prove di laboratorio urgenti, c’è?

 

Motivexlab Frecce Tricolori Uno dei simboli della Festa della Repubblica Italiana che si festeggia il 2 giugno, sono le Frecce Tricolori.

Le Frecce Tricolori sono la pattuglia acrobatica nazionale dell’Aeronautica Militare Italiana e sono state fondate nel 1961.

Sapevi che la nascita delle Frecce Tricolori si incrocia con la storia leggendaria della Ferrari?

 

Girovagando su internet, ho scoperto che le Frecce Tricolori nascono dalle ceneri della Pattuglia Acrobatica del Cavallino Rampante.
Questa pattuglia era il gruppo acrobatico del 4º Stormo caccia, che negli anni 50 operava sul campo di Capodichino.
I piloti del 4º Stormo caccia avevano chiamato la loro squadra acrobatica “Cavallino Rampante”, in onore dell’aviatore Francesco Baracca, medaglia d’oro al valor militare nella Prima Guerra Mondiale.
Francesco Baracca fu il migliore aviatore italiano della Grande Guerra e vinse ben 34 combattimenti nei cieli, prima della battaglia fatale, che gli costò la vita nel 1918.

Francesco aveva un suo simbolo personale, che faceva dipingere sul lato sinistro di tutti i suoi velivoli, ed era appunto lo stemma del Cavallino Rampante.
Alla sua morte, la madre di Francesco, regalò lo stemma del Cavallino Rampante ad Enzo Ferrari, come portafortuna per la sua nuova avventura di costruttore di automobili.
Gli porterà fortuna e ancora oggi, il Cavallino Rampante è il simbolo incontrastato dell’eccellenza e del prestigio della grande casa automobilistica italiana, riconosciuto, desiderato e invidiato in tutto nel mondo.

A me piace leggere queste storie di uomini che hanno lasciato un segno importante del loro passaggio, in particolare, la storia di Enzo Ferrari è una gran bella storia, che mi fa sentire orgogliosa di essere italiana.
Forse ti sembrerà scemo quello che sto per dirti, ma non ridere e cerca di capire cosa voglio dirti.

Dopo se vuoi, puoi anche ridere e smettere di leggere, ma ora ascolta.
Sapere di servire con la mia attività il mondo dell’automotive, che fu creato e sviluppato, da grandi uomini come il Senatore Agnelli, Vincenzo Lancia, Battista Pininfarina, Enzo Ferrari, Ferruccio Lamborghini e tantissimi altri italiani, i cui nomi ancora oggi sono leggendari, mi fa impegnare ogni giorno per aiutarti a semplificare il tuo lavoro.

E cosa c’entri adesso tu?
Se sei finito su questa pagina è perché ti occupi di controllo qualità in un’azienda che lavora per il settore automotive e stai cercando una soluzione a un problema di verifica delle caratteristiche del materiale o dei prodotti che stai trattando.
So per certo che hai molta fretta di risolvere il problema, perché nel settore automotive, la velocità è la parola d’ordine.

Lo sapevi che la prima gara automobilistica italiana fu la Torino-Asti-Torino del 28 maggio 1895, vinta da un tale Federmann, alla velocità media di 15,5 Km/h?
A te, invece, a che velocità ti chiedono i risultati delle prove di laboratorio, quando hai una contestazione da parte di un cliente?
In quanto tempo devi dire se il reclamo è fondato e di chi è la colpa?
Quanto tempo hai per controllare che il materiale che devi consegnare al cliente è conforme secondo le specifiche delle principali case automobilistiche?
Sempre troppo poco.
Ho indovinato?

Io lo so, che il tempo è poco, e fosse per te, andresti anche più veloce, peccato che quando ti trovi ad avere a che fare con il laboratorio metallurgico che fa le prove distruttive sui tuoi campioni, i tempi diventano biblici.

Tutti i laboratori ti hanno sempre fatto credere che è normale ogni volta dover aspettare per giorni e giorni prima di avere i certificati di prova.

Ormai sei abituato a telefonare e a scrivere che hai fretta di ricevere i risultati e sai che se non solleciti tu, quelli del laboratorio se la prendono con calma.
Loro non hanno idea di cosa vuol dire fermare una linea produttiva.
Non sanno cosa significa per te ogni ora di attesa del report. Figuriamoci poi se l’attesa si prolunga per giorni e giorni, senza nessuno del laboratorio che ti dice esattamente quando arriverà il report.
Sanno solo rimandare.
Al centralino nessuno sa niente, e quando cerchi di parlare con un tecnico è come cercare di parlare con qualcuno in un ufficio pubblico.

Anche Ezio pensava di avere lo stesso problema che hai tu di ricevere i report in fretta.
Mi ha contattata circa un mese fa.

Ecco cosa mi ha scritto:

email richiesta prove in giornata

Ezio chiede le tempistiche di consegna dei certificati di prova, perché il suo cliente americano ha molta fretta di avere i controlli di messa a punto.
Ezio mi scrive che “Gli americani dicono che riescono in un giorno” e ci mette un punto interrogativo alla fine.
E con quel punto interrogativo, intende chiedere a me se è davvero possibile avere i risultati delle prove distruttive in un solo giorno.

Ezio è un trattamentista termico, ed è abituato a fare le prove di laboratorio per tenere sotto controllo le sue produzioni, e sa quali sono i tempi di risposta dei laboratori prove distruttive.
Tempi lunghi di giorni e giorni, spesso diventano settimane.
A seconda dei casi e delle prove richieste.

Quando ha preso questo lavoro per gli americani, Ezio ha persino pensato di attrezzarsi internamente e di comprarsi delle macchine, per eseguire lui le prove direttamente.
Poi ha visto il costo delle macchine, ha iniziato a farsi qualche domanda:

Dove vado a prendere almeno due tecnici già formati, perché per star dietro a quelle prove, una persona non è sufficiente?
E se uno dei due tecnici si ammala e sta a casa qualche giorno?
E se la macchina di trazione si rompe e l’assistenza arriva dopo qualche giorno, come è normale che sia?
E quanto costa tarare le macchine?
E dove trovo un tornitore che mi prepari le provette a osso di cane in giornata?

Quindi Ezio cosa ha fatto?

Ha iniziato a cercare su internet un laboratorio diverso da quelli che conosceva già, che avesse queste caratteristiche:

– più di un tecnico addestrato e abilitato da un ente di accreditamento per l’esecuzione delle prove, quindi non c’è il rischio che le prove non vengono fatte se un tecnico si ammala;

– più di una macchina per le prove distruttive, quindi anche se una si rompe, non c’è il rischio che la consegna dei report di prova venga ritardata;

– ha tutte le attrezzature tarate ed esegue una verifica di calibrazione ogni volta che esegue le prove, quindi garantisce la ripetibilità e la correttezza delle misurazioni;

– esegue o fa eseguire tutte le lavorazioni meccaniche per la preparazione dei campioni per le prove secondo le principali norme internazionali, quindi i campioni sono conformi ai metodi di prova ufficiali.

– ma soprattutto ha cercato un laboratorio capace di consegnare il lavoro entro 24 ore, così come fanno gli americani, i suoi clienti.

E guarda un po’ cosa mi ha scritto sabato sera?

ringraziamneto per velocità esecuzione

Si lo so che era sabato 30 maggio ed erano le 18:56 e a quell’ora nessuno era al lavoro perché tutti hanno fatto il ponte del 2 giugno, Festa della Repubblica.

Non Ezio, che sta lavorando per gli americani e ci tiene a far vedere che nel mondo dell’auto esistono ancora eccellenze italiane di cui andare fieri.

Non i tecnici del mio laboratorio, che hanno fatto in modo di risolvere il problema di Ezio, quando tutti gli altri laboratori erano chiusi e festeggiavano la nostra povera Repubblica fondata sul lavoro, facendo aspettare ai loro poveri clienti i report per settimane, perché cosa vuoi, c’era il ponte.

Buona Festa Della Repubblica a Tutti.

Se anche tu vuoi ricevere i tuoi report sulla scrivania in 24 ore telefona allo 011 93 70 516 oppure compila il modulo in fondo alla pagina.

Elisabetta Ruffino

By | 2017-05-18T10:48:25+00:00 giugno 2nd, 2015|Consegna urgente garantita|0 Commenti

Scrivi un commento